ESCLUSIVA TJ - L'ex coordinatore giovanili del Boca: "Bentancur tornerà sui suoi livelli con Allegri, la sua sfida è migliorare ancora. Lo vedrei bene in Premier League"

12.07.2021 11:30 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - L'ex coordinatore giovanili del Boca: "Bentancur tornerà sui suoi livelli con Allegri, la sua sfida è migliorare ancora. Lo vedrei bene in Premier League"
TuttoJuve.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, l'ex coordinatore e supervisore delle giovanili del Boca Juniors che ha conosciuto Rodrigo Bentancur sin da quando ha iniziato a muovere i suoi primi passi negli xeneizes, Jorge Raffo, per parlare approfonditamente di lui e non solo:

Come hai giudicato la Copa America disputata da Rodrigo?

"Le sue prestazioni sono state un po' al di sotto degli standard di Rodrigo, ma ci sono migliaia di attenuanti che possono spiegare la situazione. Una di queste, a mio avviso, è che ha giocato una stagione davvero lunga e pesante in cui i giocatori erano stanchi mentalmente e fisicamente. La sua partita migliore è stata contro il Paraguay, dove ha giocato in un ruolo più avanzato del solito. Ma sarebbe irrispettoso da parte mia esprimere un giudizio completo su di lui, visto che non conosco bene il suo presente".

Perché nell'Uruguay riesce ad essere più impattante?

"Ritengo che Rodrigo abbia un'influenza naturale sul gioco nelle squadre in cui gioca, per rispondere in modo approfondito è necessario analizzare il contesto dei calciatori che lo circondano nonché capire quali siano gli obblighi tattici dettati dal suo allenatore. Resta sempre un giocatore da cui aspettarti qualcosa di buono nel momento in cui controlla il pallone".

Nella Juventus non ha vissuto una buonissima annata. Quale è la tua opinione?

"Penso che tutta la squadra in generale abbia avuto un calo di rendimento, ma vorrei ragionare sul fatto che quegli stessi giocatori hanno mantenuto un livello di prestazioni elevato per molto tempo e con allenatori diversi. A mio parere è normale vivere un po' un anno così".

E' tornato a Torino il primo allenatore di Rodrigo, Massimiliano Allegri. Che ti aspetti da lui?

"Allegri può essere molto importante per Rodrigo, perché nei due anni in cui è stato il suo allenatore le prestazioni sono state ottimali. Non sarei sorpreso vederlo tornare sui suoi livelli".

A 24 anni, a tuo parere può ancora migliorare?

"Un giocatore ha sempre tempo per imparare e migliorare, se i più grandi di tutti i tempi parlano di una crescita costante durante tutta la loro carriera non vedo perché Rodrigo dovrebbe fare eccezione. Migliorare nei diversi momenti del ciclo di gioco sarà sicuramente la sua nuova sfida".

Credi che il campionato italiano sia il meglio dove poter esprimere tutto il suo potenziale?

"No, penso che il calcio inglese possa essere anche una bella sfida per la sua carriera".

Si ringrazia Jorge Raffo per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.