ESCLUSIVA TJ - Kean, parla il fratello Giovanni: "Ha goduto il doppio per il gol al Toro. Si sta trovando bene a Verona. Futuro? Giocare il più possibile per tornare alla Juve"

 di Mirko Di Natale Twitter:   articolo letto 26088 volte
© foto di Federico Gaetano
ESCLUSIVA TJ - Kean, parla il fratello Giovanni: "Ha goduto il doppio per il gol al Toro. Si sta trovando bene a Verona. Futuro? Giocare il più possibile per tornare alla Juve"

5 presenze in Serie A e 256' giocati con la maglia del Verona, l'esordio avvenuto nella debacle casalinga contro la Fiorentina e il primo gol siglato allo stadio "Grande Torino" che ha dato il via alla rimonta scaligera. Stiamo parlando, ovviamente, di Moise Kean, il primo 2000 a siglare un gol nel massimo campionato di calcio. La nostra redazione ha contattato, telefonicamente, in esclusiva, il fratello Giovanni, anch'egli calciatore che sta facendo bene in quel di Trapani:

Come hai reagito alla prima rete siglata da tuo fratello con la maglia del Verona?

"Ero presente allo stadio, siamo rimasti molto contenti perchè poi il Verona è riuscito a fare punti. Anche Moise era molto felice di questo e il loro campionato inizia da domenica, dove nelle prossime sfide ci saranno squadre più abbordabili di Napoli, Lazio e Roma".

E' un gol che per Moise vale doppio.

"Sì (ride ndr). Diciamo che ha goduto il doppio visto i suoi trascorsi nella Juventus".

Come si sta trovando a Verona?

"Si sta trovando bene, la città gli piace. Mister Pecchia gli sta dando fiducia e i compagni sono favolosi. E' un bellissimo ambiente dove ci sono molti ragazzi giovani, la squadra deve trovare continuità perchè se fa bene la squadra, fa bene anche lui. Ha bisogno di giocare a fianco di calciatori molto esperti come Pazzini e Cerci".

Avrai letto i complimenti ricevuti dagli addetti ai lavori. Il ds Fusco ha dichiarato in una recente intervista che Moise era il primo obiettivo della società.

"Fa molto piacere questo, deve continuare a lavorare e i risultati arriveranno. Non dovrà montarsi la testa come ha sempre fatto, dovrà restare umile".

Prima mi parlavi di Pazzini. Ti ha raccontato se ha già iniziato ad apprender qualcosa da un calciatore esperto come lui?

"Mi ha sempre parlato bene di Pazzini, mi dice che è una bravissima persona. Impara da lui perchè gioca nello stesso ruolo, si trovano bene a giocare insieme e, secondo me, la squadra nell'ultima partita ha giocato meglio proprio da quando è entrato l'ex calciatore del Milan. Erano più pericolosi. Con lui, Moise gioca da esterno oppure gli gira intorno".

Quale è il suo obiettivo stagionale?

"Il suo obiettivo è quello di fare più presenze possibili, sarebbe importante per un 2000 giocare il più possibile anche per l'anno prossimo. Deve mettersi a disposizione del mister per dare una mano alla sua squadra per centrare la salvezza. Magari può far tanti gol, ma questo non è la priorità".

Far bene per l'anno prossimo significherebbe un bel biglietto da visita per il ritorno alla Juventus.

"Esatto (sorride ndr)".

Si ringrazia Giovanni Kean per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.