ESCLUSIVA TJ - Camargo su Kaio Jorge: "La sua intelligenza può conquistare la Juve, ma il prestito sarebbe una buona soluzione. Per alcuni tifosi del Santos è un ingrato. Neymar? Non sarà mai al suo livello"

12.10.2021 15:30 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Camargo su Kaio Jorge: "La sua intelligenza può conquistare la Juve, ma il prestito sarebbe una buona soluzione. Per alcuni tifosi del Santos è un ingrato. Neymar? Non sarà mai al suo livello"
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, il collega brasiliano di Radio De Olho no Peixe, interamente dedicata al Santos, Fellipe Camargo, per parlare di Kaio Jorge e non solo:

Kaio ha finalmente recuperato dall'infortunio e potrebbe essere a disposizione di Allegri per la partita contro la Roma. A tuo parere riuscirà a conquistare il suo spazio in un grande club come la Juve?

"Kaio Jorge al Santos era visto dall'allora allenatore del club come un centravanti del calcio moderno. Lui è un numero 9 che gioca poco dentro l'area, ma si muove molto sul fronte offensivo e si spinge fino a centrocampo nel recuperare il pallone quando serve. Insomma, a livello tattico può essere funzionale per il calcio italiano. Qui non è stato un grande marcatore, per via della sua intelligenza può guadagnare spazio alla Juventus".

Sono cambiate le aspettative per questo ragazzo da quando è arrivato alla Juventus qualche mese fa? 

"I tifosi del Santos sono stati molto turbati dal suo addio, alcuni di loro lo considerano un ingrato perché non ha voluto rinnovare il contratto. E per questo, alcuni di loro pensa sia inadatto al calcio europeo. Anche per la stampa ci sono opinioni contrarie: ci sono giornalisti che credono nelle sue qualità e altri lo definiscono un giocatore normale che farà fatica in Italia".

Qui in Italia si parla di una possibile cessione in prestito. Potrebbe essere una buona soluzione per te?

"Kaio Jorge è appena arrivato, è normale che i giocatori brasiliani abbiano difficoltà ad adattarsi quando arrivano in Europa. La Juventus è un grande club, potrebbe essere una buona idea quella di mandarlo in prestito se non ci sono molte possibilità di farlo giocare con continuità. In questo modo può adattarsi senz'altro meglio al calcio europeo. E, una volta maturata la giusta esperienza, potrebbe essere un rinforzo in più per i bianconeri".

Al Santos sappiamo che è stato molto importante. Che impatto ha avuto questo sul club?

"Anche se non ha segnato tanti gol come ci si aspettava da un centravanti, è stato davvero molto importante. Soprattutto nella Copa Libertadores 2020, i suoi gol sono stati decisivi. Si può dire le difficoltà economiche vissute dal Santos per cercare un sostituto di qualità nel mercato si sono fatte sentire, e dalla formazione titolare si è sentita l'assenza di un attaccante delle sue caratteristiche".

Kaio può raggiungere il livello di Neymar? Secondo te potrebbe essere il suo erede?

"Per me no, non è il suo erede o il successore. Neymar è un asso, Kaio Jorge è un buon giocatore. È la mia opinione. Kaio è stato campione del mondo U17 con il Brasile, ha qualità come dicevo, ma caratteristiche differenti. Per cui non li vedrò mai allo stesso livello, né possiede il potenziale per raggiungere ciò che Neymar rappresenta per il calcio brasiliano e mondiale".

Si ringrazia Fellipe Camargo per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.