UFFICIALE - Pergolettese, Alberto Villa è il nuovo allenatore: esordio con la Juventus Next Gen

28.09.2022 22:15 di Martino Cozzi   vedi letture
UFFICIALE - Pergolettese, Alberto Villa è il nuovo allenatore: esordio con la Juventus Next Gen
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Dopo l'esonero di Alessandro Fabbro, la Pergolettese ha deciso di affidare la panchina ad Alberto Villa. Nella giornata di ieri, il neoallenatore ha diretto il primo allenamento in vista della prossima gara di campionato, quella con la Juventus Next Gen, in programma domenica 2 ottobre alle 17:30. Queste le prime parole di Villa. 

Mister, innanzitutto benvenuto alla Pergolettese.
" Ringrazio subito tutti per questa calorosa accoglienza.”

Un primo commento a caldo, dopo la firma sul contratto che la lega Pergolettese.
“Sono contentissimo e ringrazio il Presidente per questa grande opportunità concessami: non vedo l'ora di iniziare.”

Una esperienza di cinque anni, come viceallenatore, con un grande allenatore come Antonio Calabro tra Carpi, Viterbese e Catanzaro. Adesso arriva la prima esperienza da responsabile in serie C.
“Avevo allenato prima due anni a Gallipoli da solo, prima di intraprendere questa esperienza, questo percorso formativo con Antonio Calabro. E adesso è arrivata questa opportunità che voglio sfruttare al meglio possibile. Bisognerà lavorare tanto, perché c'è tanto da lavorare, e ho voglia di iniziare il prima possibile.”

Quali sono le differenze che pensi di trovare fra Girone A e i gironi B e C Quello di quest’anno il girone A appare come un girone molto più tecnico, molto competitivo rispetto agli altri due. Dalla sua esperienza passata lo conferma?
“Sì, è un girone molto tosto, come ha detto. Forse un calcio un po’ meno aggressivo di quello che puoi trovare al Sud. Però è un giorno importante, dove ci sono giocatori molto forti e squadre molto ben organizzate.”

Conosci già qualche giocatore in rosa? La Pergolettese ha potuto visionarla domenica scorsa; c’è qualche giocatore con cui ha avuto esperienze passate?
“Qualche giocatore come Arini, Lambrughi e Varas, sono giocatori che avevo visto, che ho seguito o ci ho giocato contro. Sono ragazzi che, sono certo, si metteranno a disposizione sicuramente con la loro professionalità. Gli altri li ho visti domeninca e gli altri li conocscerò man mano, ma ho già una relazione dettagliata sulle loro caratteristiche tecniche e non avrò nessun problema.”