Teotino: "Neymar alla Juve? Poco di vero. Se la Juve dovesse fare un sacrificio economico prenderebbe..."

20.07.2019 16:30 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Teotino: "Neymar alla Juve? Poco di vero. Se la Juve dovesse fare un sacrificio economico prenderebbe..."

Il giornalista Gianfranco Teotino è intervenuto a Radio Sportiva. Ecco le sue parole:

Su Schick e il Milan: "Il ceco ha ancora tanto da dare, non so se la Roma vorrà privarsene. Theo Hernandez è una scommessa di Maldini: 20 milioni forse sono troppi per quanto fatto negli ultimi anni e per un carattere non sempre tranquillo".

Sulla Coppa D'Africa e il Pallone d'Oro: "La Coppa è valutata un po' meno delle altre competizioni continentali nel Pallone d'Oro. Se #Salah avesse vinto con l'Egitto avrebbe vinto invece è stato una delusione della competizione. Fra i candidati metto Alisson, Mané e Van Dijk".

Sui fallimenti delle società: "La Federcalcio sta preparando una lista nera con i personaggi che non possono più entrare nelle società in difficoltà, ma bisogna tutelare di più le squadre, specie in C. Con i ricavi medi ad oggi è impossibile sopravvivere senza soldi extra. Auspico un organo di controllo indipendente che operi sui bilanci finali delle società e controlli le trattative, anche per operazioni 'fittizie'. Le quotazioni dei calciatori continueranno a farle il mercato e le richieste che ci sono".

Su Neymar alla Juve: "Penso che ci sia poco di vero. Ha voglia di lasciare Parigi e chi ne cura gli interessi lo vogliano offrire un po' a tutti. Se i bianconeri vorranno fare un sacrificio economico sceglierebbero Pogba".

Sulla radiazione di Zamparini: "Punizione giustamente severa, anche per i guai giudiziari, ma inevitabile visto che i soldi evidentemente sono spariti e questo punto è abbastanza evidente dove siano finiti. Dispiace che i controlli non siano scattati in tempo per evitare al Palermo di fare la stessa fine".

Sul Milan: "Elliott ha preso il Milan per risanarlo e rivenderlo per trarne profitto. Per farlo deve essere competitivo, bisognerà vedere come sarà compatibile il progetto. Modric? Operazione al limite dell'impossibile per le cifre, anche se è tifoso rossonero".