Sconcerti: "Per la Juve impossibile soddisfare i suoi tifosi: o vincono la Champions o non sono mai totalmente felici"

07.07.2020 21:00 di Simone Dinoi Twitter:    Vedi letture
Sconcerti: "Per la Juve impossibile soddisfare i suoi tifosi: o vincono la Champions o non sono mai totalmente felici"

Mario Sconcerti è intervenuto ai microfoni di TMW Radio.

Sarri è in discussione?
"Si può essere sia grandi allenatori che in discussione, e penso ad Allegri che è stato esonerato dopo aver vinto un campionato. Sarri per me è un grande allenatore che, nonostante abbia 60 anni, deve continuare a crescere. Alcuni modi che ha di gestire la squadra devono essere limati ed adeguati: non esiste un metodo universale, ma bisogna continuare ad imparare e Sarri lo sta facendo. Non so se, non vincendo la Champions, però gli basterà".

Ha tanti illustri predecessori che hanno fallito, però...
"Sì, però ora allena lui la Juve. E gli illustri predecessori sono diventati tali vincendo. La cosa curiosa, e che un po' mi diverte, è che la Juventus sia impossibilitata a soddisfare fino in fondo i suoi tifosi: o vincono la Champions, o non sono mai completamente felici. C'è bisogno di vincere, giocare bene, e prendersi la Champions. Pensiamo agli altri tifosi, cui basterebbe vincere una Coppa Italia ogni tanto: è un fatto paradossale. Ma penso però che la juventinità sia arrivata a questo tempo".

Gestire la vittoria di un'eventuale Champions sarà quindi la tappa più dura?
"Eh sì, si rischia di assuefarsi. Un po' come il primo amore: trovarlo sempre diventa sempre più complesso. Allegri è stato mandato via perché in tutti c'era la convinzione che la Juventus non giocasse bene. Sarri a febbraio non lo voleva più nessuno, i tifosi si sentivano sgonfiati dalla non realizzazione della sua scuola. Eppure sono sempre stati sempre in testa al campionato, ma non gli basta più. Vogliono una continua dimostrazione di superiorità su tutto".