Roma, Baldissoni: "Come sponsor in Italia siamo secondi solo alla Juventus"

24.06.2019 18:40 di Alessandra Stefanelli   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Roma, Baldissoni: "Come sponsor in Italia siamo secondi solo alla Juventus"

Da Trigoria, dove è in corso l'Assemblea degli Azionisti, Mauro Baldissoni parla così delle varie questioni all'ordine del giorno, rispondendo alle domande arrivate: "Rispetto alla domanda sull'utilità del consigliere: Stanley Phillip Gold ha partecipato al 71% delle Assemblee, sono sicuro che anche Gregory Scott Martin farà altrettanto. Sugli sponsor: non credo che siamo così piccoli come detto, in Italia siamo al secondo posto dietro alla Juventus e puntiamo a migliorare. L'acquisto di Pastore, giusto o sbagliato che sia, non c'entra nulla con la Qatar Airways, quindi non può essere messo in discussione. Il costo del personale non sportivo ammonta al 9% del costo totale. I ricavi dal marketing sono pubbliche. Le maglie di Totti? Non esistono le maglie di Totti, ma solamente le maglie della Roma. Successivamente si può personalizzare con qualsiasi nome, quindi i ricavi sono calcolati sul totale delle maglie vendute. A titolo informativo, partendo dal mio ruolo e dalla mia figura, mi occupo direttamente dello stadio e abbiamo interesse a procedere. Il tema delle infrastrutture è molto semplice: i requisiti che vengono richiesti sono pubblicati e saranno rispettati, non c'è una discussione su questo. Non c'è un problema sui fondi da destinare alle infrastrutture e sulle tempistiche. In riferimento allo stadio di Fiumicino: vi ricordo che non siamo la società che si occupa dello stadio, le posso dire che è opportuno da parte dei proponenti valutare eventuali altre possibilità per costruire lo stadio. Detto questo, non ci sono al momento elementi contrari alla riuscita della costruzione dello stadio a Tor di Valle".

Sulla Qatar Sports Investment: "Come detto più volte, è totalmente falso. Pallotta non viene a Roma? Ricordo che a Londra la Roma ha degli uffici in cui vengono discusse le manovre economiche. Riguardo i giovani e la seconda squadra, la Roma monitora la situazione e la valuta, ma al momento non ci sono le condizioni. Ad oggi l'ha fatto soltanto la Juventus, quando ci saranno le condizioni faremo la seconda squadra assolutamente. Faremo una squadra Under 18, al fine di sviluppare al meglio le carriere dei giovani calciatori".