Repubblica - Muriel: "Cristiano un esempio, ma il mio idolo è il Fenomeno. Non è bello per chi insegue vedere una squadra che vince 8 campionati di fila, deve far riflettere"

24.04.2019 10:20 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Repubblica - Muriel: "Cristiano un esempio, ma il mio idolo è il Fenomeno. Non è bello per chi insegue vedere una squadra che vince 8 campionati di fila, deve far riflettere"

Luis Muriel, attaccante della Fiorentina, ha rilasciato un'intervista a La Repubblica: "Se mi immagino una Fiorentina senza Federico Chiesa? Io vivo il presente - ha detto l'attaccante -. Ora lo abbiamo noi e non penso ad altro. Il futuro è tutto da scrivere. È un giocatore con caratteristiche molto diverse da me, ma siamo simili nella velocità palla al piede e nel fatto che usiamo entrambi i piedi per calciare. Il paragone con il brasiliano Ronaldo ai tempi di Lecce e Udine quanto mi hanno pesato? All’inizio mi distraeva, volavo con la testa da un’altra parte. Poi quando ho iniziato a crescere e sono maturato, ho capito che potevano essere una motivazione, un obiettivo. Mi basterebbe fare la metà di quello che ha fatto. Un campione come lui è difficile da rivedere. Meglio lui di CR7? Cristiano è un esempio, ma il mio idolo rimane il Fenomeno. Si ha la sensazione che possa fare qualsiasi cosa con la palla al piede? Si, lo sento in campo. Vedo che quando faccio alcune giocate le difese arretrano mentre su altri miei compagni vanno subito in pressing. Nel campionato italiano comanda sempre la Juventus? E questo deve far riflettere. Non è bello, per chi insegue, vedere una squadra vincere otto campionati di fila. Il fatto che vincano sempre gli stessi deve essere una motivazione. Chi insegue deve lavorare di più per arrivare a quei livelli lì. Così come deve far riflettere il fatto che in Champions le squadre italiane, tra tutte la Juve, fanno fatica a raggiungere gli obiettivi. C’è da lavorare tantissimo, sperando che già dal prossimo campionato ci sia un’altra squadra capace di lottare per titolo fino alla fine".