QUI DYNAMO - Lucescu: "Juventus e Barcellona si qualificheranno agli ottavi senza problemi: non abbiamo chance"

26.10.2020 15:10 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
© foto di Image Sport
QUI DYNAMO - Lucescu: "Juventus e Barcellona si qualificheranno agli ottavi senza problemi: non abbiamo chance"

Mircea Lucescu, tecnico della Dinamo Kiev, sconfitto dalla Juventus la settimana scorsa in Champions League, ha parlato a Radio Anch'io Sport sulle frequenze di Radio Rai: "Veniamo da un periodo molto difficile, cinque anni senza Champions League e con problemi finanziari. Abbiamo fatto una squadra con giocatori che vengono dalle giovanili, ci siamo qualificati ma la squadra è ancora da formare. La Juventus ha meritato la vittoria, ha valore ed è riuscita a segnare in momenti chiave. I bianconeri e il Barcellona penso che possano qualificarsi senza problemi agli ottavi. Io cercherò di riportare la Dinamo Kiev ai livelli che merita".

Dopo aver detto sì alla Dinamo si è dimesso perché alcuni tifosi erano contro di lei. Poi è tornato.
"Mi ero dimesso perché se non ero accettato non volevo sedere su quella panchina, non per i soldi ma per la mia vita. Posso fare ancora tanto al calcio e ho deciso di ritornare. Il presidente mi ha chiamato per dare una mano ma non sapevo che i tifosi fossero contrari: a quel punto volevo dimettermi ma sono stato richiamato e sono tornato. Abbiamo vinto la Supercoppa, poi ci siamo qualificati per la fase a gironi di Champions ottenendo vittorie importanti. Ancora però non siamo a un livello competitivo".

Come cambia il calcio con il Coronavirus e senza pubblico?
"Contro la Juventus abbiamo avuto i tifosi, ma in futuro non li avremo. Giocare con o senza pubblico è totalmente diverso, non c'è lo stesso ritmo. I giocatori hanno bisogno dei tifosi, degli applausi e di quella atmosfera. È dura e difficile".

Con questo Barcellona in crisi potrebbe esserci una sorpresa nel vostro girone?
"Non credo, la Juventus è una grande squadra e il Barcellona è più forte rispetto a noi e al Ferencvaros. I blaugrana in Europa sono diversi. Poi è chiaro, il Covid può cambiare le carte in tavola".