Ponciroli a Tmw Radio: "La Juve non ha mai avuto un centrocampo così debole negli ultimi 20 anni. Punterei su Vlahovic, al contrario di Morata è un gladiatore"

26.11.2021 13:10 di Redazione TuttoJuve Twitter:    vedi letture
Ponciroli a Tmw Radio: "La Juve non ha mai avuto un centrocampo così debole negli ultimi 20 anni. Punterei su Vlahovic, al contrario di Morata è un gladiatore"
TuttoJuve.com

In diretta nell’editoriale del venerdì su TMW Radio, Fabrizio Ponciroli, direttore di Calcio 2000, ha commentato i temi più caldi della giornata. Di seguito il podcast completo e un estratto del suo intervento.

Cosa ha raccontato la settimana europea per le squadre italiane?
“Sono felice per la Champions: abbiamo la possibilità di portare 4 squadre agli ottavi di finale. Bene il Milan, meritava di vincere una partita così in questo modo, con la bella favola di Messias. L’Inter? È una squadra forte, l’ho sempre detto. Forse mancano più i nerazzurri a Lukaku, che lui all’Inter”.

Malissimo la Juventus contro il Chelsea: motivi di testa o di qualità?
“È una questione di qualità. In Italia, dove il livello è medio-basso, te la puoi cavare, ma non quando vai in Europa e incontri i top club. Questa Juventus non potrà mai vincere contro Liverpool, Bayern Monaco, City. Faccio fatica a trovare, nella mia mente degli ultimi vent’anni, un centrocampo della Juventus così debole. A un certo punto contro il Chelsea mi sarei aspettato un passivo peggiore”.

Nella serie Amazon sulla Juventus Paratici spiega i momenti dell’arrivo di Ronaldo….
“Per me l’errore più grande è stato pensare che Ronaldo fosse eterno. La Juve ha puntato tutto sul portoghese per vincere subito, ma non ce l’ha fatta. E quando l’ha ceduto, non aveva un pian B all’altezza. La Juventus non può avere come attaccanti Morata, Kajo Jorge e Kean. Guarda l’Inter: ha dato via Lukaku ma aveva Lautaro e ha preso la coppia Dzeko-Correa”.

Su Vlahovic:
“Vlahovic ha tutto e può ancora migliorare tanto. E poi, per esempio al contrario di Morata, è un gladiatore, non molla mai. D’altronde è serbo, è la loro indole. Se potessi investire, andrei su di lui: in prospettiva può diventare un grande campione”.