Perrone. "Ingiuste parole parole Agnelli sull'Atalanta"

12.08.2020 19:40 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
© foto di Prospero Scolpini/TuttoSalernitana.com
Perrone. "Ingiuste parole parole Agnelli sull'Atalanta"

Carlo Perrone, ex centrocampista dell’Atalanta (115 presenze fra il 1990 e il 1994), ha parlato a TMW Radio in vista della sfida di questa sera fra i neroazzurri e il PSG: “Sono emozionato perché l’Atalanta è una squadra che mi sta emozionando, che mi sta piacendo, sta divertendo un po' tutti. Ho trovato ingiuste le parole del presidente Agnelli quando sminuiva quello che era stato il cammino e la storia della squadra. Si scontra contro le grandi d’Europa ed è l’unica italiana in corsa e questo direi che è una cosa storica. L’Atalanta è già nella storia e ora deve fare un passettino in più per essere nella leggenda”.

Quante possibilità ha l'Atalanta di passare il turno?
“Io faccio molta fatica a fare distinzione fra quello che mi dice il cuore e quello che mi dice la ragione. Quest’ultima mi direbbe che ci sono valori in campo che non possono essere messi in competizione e invece il primo mi dice che questa squadra ha dimostrato di poter realizzare qualunque impresa e un po' di paura, per me, la sta mettendo al Paris Saint-Germain. I pronostici sono a favore dei francesi, ma la possibilità di un’impresa c’è”.

Cosa ne pensa delle parole di Gasperini:
“Ha detto una cosa che non pensa, ma è un grande comunicatore e ha detto quello che doveva dire in questo momento. Il vantaggio dell’Atalanta è di giocarsi tutto in 90 minuti e sono sicuro che anche il mister la pensa così, ma a volte vanno dette delle sane bugie”.

Quanto peserà l'assenza di Ilicic?
“Ilicic è un giocatore che negli ultimi due anni ha fatto vedere cose fantastiche, assieme al Papu illumina la squadra che gioca un ottimo calcio collettivo, ma che vive anche di giocate individuali come quelle dei due giocatori che sono le stelle della squadra, due individualità che si sono messe al servizio della squadra. È un grave perdita, ma quando si gioca una gara simile gli assenti non contano. Conta chi va in campo, un pizzico di fortuna e tanti altri fattori. Servirà la miglior Atalanta per compiere l’impresa”.


Carlo Perrone intervistato da Niccolò Ceccarini