Pallone d'Oro 2021, i premi della serata: Pedri il miglior giovane, Putellas vince il Pallone d'Oro Femminile, Donnarumma il premio Yashin

29.11.2021 22:15 di Martino Cozzi   vedi letture
Pallone d'Oro 2021, i premi della serata: Pedri il miglior giovane, Putellas vince il Pallone d'Oro Femminile, Donnarumma il premio Yashin
TuttoJuve.com
© foto di Insidefoto/Image Sport

Ecco il resoconto dei premi assegnati nel corso della cerimonia del Pallone d'Oro 2021. 

PREMIO KOPA: Pedri (Barcellona)
Queste le sue parole dal palco subito dopo la proclamazione: "Ho compiuto poco fa 19 anni e non esiste miglior regalo che vincere un premio così importante al fianco dei migliori giocatori del mondo. Voglio ringraziare il Barcellona, a cominciare dal capitano ma anche a Leo Messi che oggi è qui. Dedico il premio alla mia famiglia che mi sostiene tutti i giorni: sono loro i primi a meritarlo. Lo dedico anche agli abitanti di La Palma perché stanno passando un brutto periodo e spero che presto possano passare un periodo molto migliore di quello attuale". 

ATTACCANTE DELL'ANNO: Robert Lewandowski (Bayern Monaco)
Ecco le sue parole: "Sono veramente fiero di essere qui dopo quasi due anni e dopo un periodo molto difficile causato della pandemia. Sono anche molto orgoglioso di questo premio perché so cosa vuol dire stare in area di rigore e cercare di segnare un gol. Devo ringraziare i miei compagni perché è merito loro per ogni gol che riesco a segnare. So cosa significa avere sintonia con la squadra e avere una grande squadra alle spalle è d’aiuto per me. Ringrazio la mia famiglia perché con il loro amore posso rendere al meglio. I tifosi sono il motivo per cui giochiamo a calcio: per questo motivo festeggio ogni gol con loro e voglio condividere con loro la mia e la loro gioia".

PALLONE D'ORO FEMMINILE: Alexia Putellas (Barcellona Femminile)
Queste le sue parole: "Sono molto emozionata: è un momento davvero speciale e sono contenta di avere qui le mie compagne di squadra del Barcellona con cui abbiamo vissuto grandi momenti. Voglio ringraziarle, sia quelle del passato che quelle attuali. È un premio individuale, ma è un successo collettivo, di squadra, lo percepisco così. Ringrazio tutti i miei allenatori, i tifosi che ci fanno sentire il loro supporto e ovviamente il club. È un privilegio giocare con il Barcellona e ci tengo a sottolinearlo. Ma se me lo permettere vorrei dedicare questo momento a qualcuno che sarà sempre speciale per me, spero che tu sia sempre orgoglioso di me papà, ovunque tu sia”.

PREMIO YASHIN: Gianluigi Donnarumma (Paris Saint Germain)
Ecco le sue parole dopo la premiazione: "È stato un anno incredibile per me partito dal ritorno in Champions col Milan e proseguito con la vittoria dell'Europeo. Abbiamo dato gioia a tutti gli italiani e a noi stessi: ripensando a quell'emozione indescrivibile, sono senza parole. Sono molto orgoglioso di essere passato al PSG: era un segno del destino perché mi hanno sempre seguito. Ringrazio il presidente e il direttore Leonardo per la fiducia e spero di ripagarli sul campo dando tutto per vincere. Volevo ringraziare la mia famiglia, la mia fidanzatae mio fratello che mi aiuta ogni giorno in tutto e va a lui un ringraziamento speciale. Ringrazio anche tutte le persone che hanno fatto sì che questo sogno si avverasse". 

CLUB DELL'ANNO: Chelsea (Inghilterra)
Le parole dei protagonisti. 
Cesar Azpilicueta: “Grazie mille per il premio. Da capitano, sono molto fiero di questo momento e di questo premio".
Emma Hayes: "In quanto allenatrice della squadra femminile del Chelsea, sono felice di essere qui in rappresentanza del club e spero che le mie ragazze possano un giorno essere a una serata del genere".
Thomas Tuchel: “E' un bel trofeo. Abbiamo una squadra femminile di grande successo, una grande academy ed è stato un anno da celebrare. Cercheremo di continuare così".
Romeru Lukaku: “Sono molto contento di far parte di questo club che mi ha dato l’opportunità di realizzare il mio sogno a 18 anni. Spero di migliorare ed è un onore essere nominato assieme a giocatori di questo livello. Mi motiva a migliorare e crescere il mio livello".