Osservatorio Calcio Italiano - Involuzione Roma, costanza Juventus.

02.03.2015 10:45 di Redazione TuttoJuve Twitter:   articolo letto 1854 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Osservatorio Calcio Italiano - Involuzione Roma, costanza Juventus.

Nove punti. Il distacco tra le due contendenti del campionato. Con tredici giornate di campionato ancora da disputare. La capolista primeggia per reti realizzate (51) e retroguardia meno perforata (13). I giallorossi rincorrono (37 goal fatti e 18 goal subiti).

 

Alla 15esima giornata il divario tra la capolista Juventus e la Roma era di una lunghezza. I bianconeri primeggiavano con il miglior attacco (31 goal all’attivo) e la miglior difesa (soltanto 6 reti subite). I giallorossi tallonavano il vertice con il secondo miglior reparto offensivo (28 goal all’attivo) e la seconda miglior retroguardia (11 reti subite).

 

L’allungo dei bianconeri si concretizza a partire dalla 16esima giornata.

 

Nelle successive 9 giornate la Juventus ha infatti ottenuto il 66% di vittorie sul totale disponibile (18 punti su 27) mentre il corrispettivo dato della Roma è stato uno scarno 22% (2 vittorie su 9 partite giocate).

 

Entrambe le compagine tra la 16esima e la 24esima giornata non hanno subito sconfitte: i bianconeri sono andati a segno in 20 occasioni mentre i giallorossi hanno siglato soltanto 9 reti. A tal riguardo rilevanti risultano essere i dati riguardanti:

- La differenza tra la percentuale di pericolosità arrecata alle retroguardie avversarie dall’undici di Allegri (63.8%, miglior dato della massima serie) rispetto all’equivalente della formazione di Garcia (55.3% dietro a Inter, Fiorentina, Napoli e la stessa Juventus);

- La media di conclusioni a rete totalizzate per match dalla Juventus (6.6, miglior dato della serie A) rispetto al corrispettivo totalizzato dalla Roma (5.0 dietro Inter, Cagliari, Lazio, Fiorentina, Napoli e Juventus).

 

E’ quindi la fase terminale del gioco (offensiva e realizzativa) il punto debole dei giallorossi che tuttavia continuano a primeggiare per densità di gioco (713,8 palloni giocati, 31’:49’’ possesso palla a fronte del 74.6% di passaggi riusciti). La squadra di Garcia manovra principalmente lungo la zona mediana (53%) privilegiando particolarmente l’out destro (37%) e le incursioni per vie centrali (36%). Fulcro della manovra romanista è Pjanic (45 assist totali, 5 assist vincenti, secondo miglior dato della massima serie).A seguire proprio i bianconeri con 692,4 palloni, 30’:15’’ possesso palla a fronte del 73.5% di passaggi riusciti. Manovra di gioco juventina a trazione anteriore (31%) sfruttando soprattutto le incursioni per vie centrali (40%) e lungo il versante destro (32%) rispetto all’out sinistro (28%). Tra i bianconeri Tevez in evidenza non soltanto in fase di realizzazione (14 marcature a fronte di 73 conclusioni a rete) ma anche per la costruzione del gioco (38 assist dei quali 7 vincenti).

 

Lo rileva il Report n. 3/2015 elaborato da Osservatorio Calcio Italiano(http://www.osservatoriocalcioitaliano.it/).

 

Nella fase difensiva la Juventus totalizza una percentuale di protezione area pari a 55% mentre i giallorossi si attestano al 54.5%. La Roma subisce l’avversario soprattutto nella prima frazione di gioco (5 reti subite tra il 16’-30’, 4 reti subite nel primo quarto d’ora e tra il 31’-45’). I bianconeri vanno in affanno principalmente tra il 16’-30’ del primo tempo e della seconda frazione di gioco.

 

Tra i singoli spiccano le prestazioni da un lato di Chiellini (75.3 palloni giocati, 20.9 recuperi sugli avversari ed una percentuale di passaggi riusciti pari a 78.8%) dall’altro di Astori (64.2 palloni giocati e 20.8 recuperi sugli avversari ed una percentuale di passaggi riusciti pari a 73.9%).