Morabito: "Milik al Tottenham complicato, può andare alla Juve o all'Atletico"

05.07.2020 18:45 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
© foto di Alessandro Garofalo/Image Sport
Morabito: "Milik al Tottenham complicato, può andare alla Juve o all'Atletico"

Vincenzo Morabito, intermediario di mercato, è intervenuto In diretta su Radio Punto Nuovo: “Il campionato termina con Napoli-Lazio e Juventus-Roma, come nel 1973 quando lo scudetto andò alla Juventus. È giusto lottare su ogni partita, per vincere uno scudetto devi essere il migliore di tutti. Cavani ha rifiutato l'offerta dell'Inter perché è convinto di andare all'Atletico Madrid, sua prima scelta, ma può esserci la possibilità che vada a Barcellona e Milik all'Atletico o alla Juventus. Milik al Tottenham mi sembra complicato, hanno l'attaccante inglese più forte del campionato, andrebbe a fare la riserva di Kane. Questo mercato si sta delineando in una certa maniera: scambi, plusvalenze, vanno messi a posto i bilanci. Le plusvalenze sono un'arma a doppio taglio, ci sono costi da ammortizzare, risolvi il problema oggi, ma lo rimandi a domani.

Immobile al Napoli? Ci hanno provato, ma è una pista impossibile. Ciro ha trovato la sua dimensione alla Lazio, con Simone Inzaghi è libero di esprimersi come vuole, non vuole giocatori fortissimi dietro e questo può essere un problema. Vorrebbe giocarle tutte, è diventato l'idolo dei tifosi, il Napoli avrebbe dovuto prenderlo prima della Lazio facendo un ottimo affare.

Osimhen è un rischio? Sono tanti i soldi spesi per lui, è un giocatore che vale, ha grandissimi dote, ma i soldi spesi sono tanti. Alcuni club inglesi, tedeschi e qualcuno italiano, aspetteranno perché è inutile inseguire giocatori adesso quando lo stesso potresti pagarlo meno. C'è da attendere, ma magari il Napoli avrà avuto paura di qualche inserimento che non mi risulta. Speriamo che vada a buon fine. Lozano è stato un acquisto voluto da Ancelotti, non aveva molto senso, magari in un Napoli diverso. Scudetto? Dico al 90% la Juventus e 10% la Lazio, prima del Covid i miei dati erano l'opposto".