Marotta: "Io alla Juve? Assolutamente no, voglio aprire un ciclo qui"

01.05.2021 17:45 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
Marotta: "Io alla Juve? Assolutamente no, voglio aprire un ciclo qui"
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Giuseppe Marotta, amministratore delegato dell’Inter, è intervenuto ai microfoni di Sky prima del match con il Crotone: “La sensazione oggi è positiva, ma non abbiamo ancora vinto lo scudetto: è la verità. È giusto pensare a superare questo esame odierno, le motivazioni del Crotone saranno forti e noi vogliamo fare un risultato positivo”.

Zhang è tornato a Milano: che presidente si è ritrovato davanti?
"È tornato approfittando di questa apparente tranquillità post-Covid per vivere con noi questo finale di campionato. Poi parleremo di futuro. Oggi siamo tutti concentrati su questa partita. Lui ha ritrovato un gruppo compatto grazie alle motivazioni e agli obiettivi chiari dati da Conte".

Dieci anni fa era con Conte, alla Juve. Oggi state ripetendo l'impresa all'Inter.
"Vincere è sempre difficile. Anche in quel caso partimmo con un ciclo nuovo, con una società andata in difficoltà negli anni precedenti. Conte ci ha messo del suo, ma anche quest'anno ha valorizzato al massimo la rosa che aveva a disposizione. Oggi c'è la giusta tensione prima di toglierci una grande soddisfazione".

La rivoluzione della Juve coinvolge anche lei?
"Assolutamente no. Sono arrivato all'Inter su richiesta di Zhang, voglio aprire un ciclo qui. Lo scorso anno siamo arrivati in finale di Europa League, quest'anno siamo vicini allo scudetto. Sarebbe bello e importante continuare qui".

Capitolo stipendi. I giocatori avrebbero potuto mettervi in difficoltà e invece non l'hanno fatto...
"Abbiamo a che fare con professionisti veri, non abbiamo avuto casi particolari in questi due anni. Il lavoro di Conte è stato difficile, ma la sua leadership si è vista tantissimo e tutti hanno seguito il credo dell'allenatore. Non c'è stata alcuna mela marcia, altrimenti sarebbe stata subito isolata. Vediamo attaccamento alla maglia, tutti i calciatori sono stimolati".

Come sta Sensi?
"Ci sono calciatori che forse maturano con lentezza. Ad esempio tra lui e Barella, il secondo si è inserito subito. Sensi ha ottime qualità, ma ha avuto diversi infortuni e quando si susseguono c'è discontinuità di preparazione. Ma noi puntiamo su di lui e dovrà farlo anche la Nazionale".