Marotta: "In Europa come la prima Juve di Allegri? I presupposti ci sono tutti"

07.12.2021 20:50 di Redazione TuttoJuve Twitter:    vedi letture
Marotta: "In Europa come la prima Juve di Allegri? I presupposti ci sono tutti"
TuttoJuve.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Prima del match contro il Real Madrid, l'amministratore delegato dell'Inter Giuseppe Marotta ha parlato ai microfoni di Sky Sport:

Dopo le cessioni di Lukaku e Hakimi lo avrebbe detto che sarebbe venuto a giocarsi il primo posto a Madrid?
"Sinceramente no. Ma era il pensiero di tanti altri tifosi e appassionato. Il calcio è questo. Abbiamo conquistato la qualificazione con una giornata di anticipo e oggi ci giochiamo con grande motivazione il primo posto".

Il rinnovo di Inzaghi?
"La cosa più importante in questo momento è che Inzaghi rappresenta un punto di riferimento dell'Inter, noi siamo molto contenti e orgogliosi di lui e lui è sicuramente molto contento e orgoglioso di rappresentare questa società".

In Europa sia possibile raggiungere gli stessi traguardi della prima Juventus di Allegri?
"Credo che i presupposti ci siano tutti. Col tempo chiaramente. La Champions è un torneo e non è un campionato regolare come in Italia o altri paesi e quindi ci sono anche delle circostanze favorevoli che in determinati momenti ti possono aiutare. Poi c'è sicuramente il fatto che questo gruppo ha acquisto una mentalità e una conoscenza di questo torneo, quindi oggi sono più sicuri di sé. Il solco tracciato dai precedenti allenatori è stato importante anche per Inzaghi che ha a disposizione una rosa fatta di camioncini che anche loro possono avere l'orgoglio di avere una coccardina di campioni d'Italia, di aver superato questo turno e di aver partecipato alle scorse edizioni della Champions. L'auspicio è quello di continuare questa risalita per arrivare laddove l'Inter è sempre stata".

C'è anche la voglia da parte dei giocatori di far vedere che quello vinto l'anno scorso non è solo lo scudetto di Conte?
"I giocatori vanno in campo per dare il massimo di sé sapendo di indossare una maglia importante e quindi di regalare a loro stessi, a noi dirigenti e ai tifosi delle serate di grandi emozioni e grandi risultati. Per cui non credo che abbiano bisogno di una carica particolare nonostante Inzaghi è un grande motivatore, ci sono i presupposti per far bene sicuramente".