Marchetti: "Ronaldo grandissimo giocatore ma pensare che un singolo possa trasformare una società è sbagliato"

13.04.2021 15:40 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
Marchetti: "Ronaldo grandissimo giocatore ma pensare che un singolo possa trasformare una società è sbagliato"
TuttoJuve.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Luca Marchetti, giornalista di Sky Sport, è intervenuto in diretta nell'editoriale su TMW Radio. 

Ronaldo è un vantaggio o uno svantaggio per la Juventus?
"Un vantaggio tecnicamente lo è stato, senza dubbio. Quest'anno ha segnato più gol lui che tutti gli altri attaccanti bianconeri insieme. Inoltre ti porta un carico di esperienza e personalità incredibile. Senza toccare il tema del valore del brand, che con lui è cresciuto ancora di più. Ricordiamoci che la Juventus viene da 9 scudetti consecutivi e prima o poi doveva non vincerlo". 

La questione tattica con Ronaldo?
"Se al posto di Dybala ci fosse stato Lukaku, faremmo questo discorso? Lui ha sempre voluto un numero nove. Nella Juventus, senza Morata, non c'è nessuno e la coesistenza con Dybala non è ottima. L'argentino non è esploso perché gioca nella sua stessa zona. Ronaldo è un grandissimo giocatore ma pensare che un singolo possa trasformare una società è sbagliato. Può essere un freno alla crescita per Dybala? Sì. Può esserlo per esempio per il 4-3-3 di Sarri? Sì. Ma non lo è stato per Chiesa e Kulusevski, per esempio". 

Cosa ha fatto crescere così tanto l'Inter quest'anno?
"Conte ha portato un certo tipo di personalità e si è preso una serie di responsabilità che in teoria non spetterebbero solo all'allenatore. Per come lavora è una garanzia. Questo percorso secondo me era nato già con Spalletti, che aveva riportato l'Inter in Champions. Poi l'unione tra Suning e Conte ha consolidato tutto. La sfida ora è continuare questo processo di crescita".