Lippi a Gazzetta: “La verità è che la Juve, come le altre gran­ di, decide lei che partita sarà. L’avversario, in questi casi, non importa. Ronaldo fa il fenomeno se...”

16.03.2019 09:15 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
Lippi a Gazzetta: “La verità è che la Juve, come le altre gran­ di, decide lei che partita sarà. L’avversario, in questi casi, non importa. Ronaldo fa il fenomeno se...”

Marcello Lippi parla alla gazzetta dello Sport:  ”La verità è che la Juve, come le altre gran­ di, decide lei che partita sarà. L’avversario, in questi casi, non importa. Le più forti sono quelle quattro: Juventus, City, Barcellona e Liverpool. Ora dipende tutto da loro. Ri­pensate ad Atletico­-Juve
2­-0...L’Atletico è superiore al­ l’Ajax, ha fatto due finali di re­cente, è secondo in campiona­to. Però, al ritorno, la Juve ha fatto la Juve e allora non ce n’è stata per nessuno. Ha coman­dato. Chi può battere una squadra così? Ronaldo è stato meravi­glioso. Ma se non sbaglio arri­vava da un periodo di critiche, no? Appena gli altri hanno gio­cato da Juve, lui si è esaltato ed è stato immenso. Ha avuto bi­sogno degli altri per fare il fe­nomeno. Allegri ha vissuto una serata fantastica. Ha fatto scelte tatti­ che sopraffine, cominciando da Emre Can in difesa. È stato saggio e spregiudicato, bravo a puntare su giovani come Spi­nazzola. Perfetto alla fine. In teoria per organizzazione, giocatori e tutto il resto, il Manchester City sembra supe­riore a. Tottenham,
Sarebbe anche Allegri contro Guardiola, Il massimo”.