L'interista Bocelli: "Spero che questa Inter metta in difficoltà la Juve, Conte determinante"

12.09.2019 14:40 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
© foto di PhotoViews
L'interista Bocelli: "Spero che questa Inter metta in difficoltà la Juve, Conte determinante"

Andrea Bocelli, grande tenore e tifoso interista, ha parlato del campionato ai microfoni de La Gazzetta dello Sport:

Della sua Inter al momento non si può che parlar bene.
"
Sono molto curioso di vedere cosa accadrà. Di certo l’uomo determinante per il destino di questa stagione è Antonio Conte. Ho molto apprezzato l’approccio che avuto con la squadra: la sua capacità di immedesimarsi subito con la società che lo accoglie è autentica e importante. Ha detto che sarà il primo interista e da quel momento è entrato nel cuore di tutti i tifosi, quindi anche nel mio. Mi è piaciuto pure vedere che si è lamentato quando gli sembrava che le cose si potessero migliorare, è un modo intelligente di affrontare la vita: chi si accontenta di quello che è e quello che ha non cresce mai. Anche io sono sempre stato molto esigente con me stesso, solo così sono potuto arrivare a certi livelli. Conte poi è famoso per essere un gran lavoratore e sa mettere la squadra sotto pressione come è giusto che sia. Ha tutta la mia fiducia, perché chi ha un incarico e non lo esercita, nel suo caso non comanda, allora butta il proprio tempo e quello degli altri".

Contento anche di Lukaku?
"È un ottimo giocatore, un atleta straordinario e un ragazzo serio: lo abbiamo accolto a braccia aperte, ora aspettiamo fiduciosi i suoi gol".

E dei cori razzisti di Cagliari cosa ha pensato?
"Sono cose miserande che non meritano nemmeno commenti. Non fanno parte né del calcio né di nulla che abbia a che vedere con la nostra umanità. Roba incivile, ma facile da strumentalizzare".

Secondo lei questa Inter rivoluzionata riuscirà a mettere in difficoltà la Juventus?
Lo spero! E mi auguro ci siano almeno 3-4 squadre in lotta per lo scudetto fino all’ultima giornata, altrimenti il campionato rischia di perdere interesse".

Come vede la Nazionale?
"Quella è la mia prima passione e non posso che essere felice di quanto stanno mostrando i ragazzi di Mancini. Faccio a tutti loro i miei migliori auguri, dal cuore, spero davvero che vadano bene, perché la gioia e l’esaltazione delle vittorie degli azzurri non hanno eguali".