Hernanes a RBN: "Sarebbe bello se vincesse la Lazio dopo tanti anni di successi della Juve"

02.06.2020 19:30 di Simone Dinoi Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Hernanes a RBN: "Sarebbe bello se vincesse la Lazio dopo tanti anni di successi della Juve"

Intervistato da Radio Bianconera nel corso di ‘Terzo Tempo’, l’ex giocatore di Juventus, Inter e Lazio Hernanes ha parlato delle sue ex squadre e commentato le news più calde del momento: “Qui in Brasile è tutto fermo, è ormai da quasi tre mesi che sono a casa. Ho una palestra per fortuna e cerco di tenere la forma, ma è davvero una situazione incredibile. I casi ogni giorno aumentano e non possiamo fare niente, solo avere pazienza”.

Chi rischia di più tra Juve e Milan alla ripartenza?

“In una partita così secca sicuramente il Milan ha un vantaggio, la Juve è la squadra più forte in Italia e tra le più forti del mondo, ma magari arrivando dopo una pausa il Milan avrà un piccolo vantaggio, magari troverà la Juve non preparata come al solito. Secondo me per i rossoneri è un piccolo vantaggio”.

La lotta scudetto tra Lazio e Juve?

“La Lazio veniva da un momento incredibile, secondo me è stata penalizzata da questa sosta. Non era facile fare una corsa così alla pari con la Juve, che è più abituata a fare un campionato del genere. Faccio il tifo per loro perché sarebbe bello dopo tanti anni di successi della Juventus se la Lazio vincesse”.

La tua esperienza alla Juve?

“È stata un’esperienza incredibile, ho vinto, ho giocato anche in un ruolo che ho imparato lì. I primi sei mesi ho fatto fatica davanti alla difesa, non mi trovavo bene. Anche se potevo adattarmi, non potevo mai essere quello che ero stato alla Lazio perché lì giocavo davanti alla porta, lì davo il meglio. Alla Juve dovevo pensare di più, alla Lazio facevo un ruolo più istintivo. Ma ho imparato tanto, ho acquisito la mentalità Juve ed è stato bello giocare lì”.

Un ritorno in Italia?

“Io tornerei volentieri, anche i miei figli sono lì. L’Italia ormai è diventato il mio secondo Paese, mi è rimasta nel cuore. Quando smetterò di giocare vorrei stabilirmi lì”.

Clicca sul podcast in calce per l’intervento integrale.


Anderson Hernanes ai microfoni di "Terzo Tempo" con Marco Spadavecchia e Luigi Schiffo