Giordano a TMW Radio: "Icardi non sa giocare per la squadra. Lazio favorita alla ripartenza"

27.03.2020 21:00 di Simone Dinoi Twitter:    Vedi letture
© foto di Luigi Putignano/TuttoLegaPro.com
Giordano a TMW Radio: "Icardi non sa giocare per la squadra. Lazio favorita alla ripartenza"

A TMW Radio, durante Maracanà, è venuto il momento di Bruno Giordano, ex calciatore e tecnico, che ha parlato dei temi del momento.

Gravina ha ribadito la volontà di finire il campionato. Che ne pensi?
"Sarebbe bello poter concludere, ma se vai a fare il campionato a luglio, devi dare la possibilità di allenarsi. Vedere giocatori non al massimo della condizione non sarebbe bello. Mi auguro si riesca a concludere. Altrimenti, dal momento che l'idea dei playoff è stata bocciata, si pensi ad altre ipotesi. Certo è complicato. Rivedere il calcio, vuol dire che si sta tornando alla normalità. Ma non si torni prima del dovuto a giocare".

Bloccare le posizioni del campionato. Ultime due retrocesse, finale tra le prime due e playout tra terzultima e quartultima: come vedi questa ipotesi?
"L'Inter potrebbe dirti che potrebbe ribaltare la situazione in pochi mesi. Così come le altre squadre. I sacrifici dovranno farli tutti. Se si deve giocare anche a luglio e agosto, si deve fare".

Entro quando si dovrebbe tornare ad allenarsi per farsi trovare pronti per la ripresa?
"Si può tornare operativi in 15 giorni. Oggi i giocatori sono molto più preparati, hanno mezzi per tenersi in allenamento. Può esserci il problema del non avere subito il ritmo partita e poi quello delle partite ravvicinate. Ma ora gli organici hanno rose larghe".

A giugno chi potrebbe essere favorito per la ripartenza?
"Si ripartirà con lo stesso ordine. Molto farà la testa, la voglia di giocare. Potrebbe essere avvantaggiata la Lazio, che ha una squadra molto tecnica".

Serve uno come Icardi alla Juve?
"Serve un finalizzatore, ma a livello internazionale serve anche uno che sappia giocare per la squadra. E lui non lo è. Andrei più sul centrocampo, magari su Tonali".

In prospettiva più importante Milinkovic o Luis Alberto?
"Luis Alberto è più determinante, lo dicono i numeri e le prestazioni. Quando esce, cala il sipario. Milinkovic riesci a sostituirlo di più. Uno come lo spagnolo, anche a livello europeo, è difficile trovarlo".

Eriksen come lo faresti giocare?
"E' straordinario tecnicamente. Conte ha aspettato un po' per metterlo dentro, anche per questione di preparazione fisica. Ma credo diventerà determinante anche all'Inter".