Giletti: "Higuain fuori condizione e Juve non serena. Su Inzaghi dico..."

 di Alessandra Stefanelli  articolo letto 12489 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Giletti: "Higuain fuori condizione e Juve non serena. Su Inzaghi dico..."

<b>Massimo Giletti</b>, noto presentatore televisivo e tifoso della Juventus, ha parlato a TMW Radio dopo il ko dei bianconeri contro il Barcellona:

<b>È finita un'epoca nella Juventus, quando la difesa era impenetrabile?</b>
“Le epoche finiscono sempre, soprattutto nel calcio. Ma io credo che né Bonucci che passa al Milan e prende quattro gol dalla Lazio, né la Juventus che prende tre gol dal Barcellona sono da pensionare. Ci sono dei momenti in cui si subisce: ma avete visto chi avevano i bianconeri in panchina e chi aveva in panchina il Barcellona?”

<b>Una Juventus diversa da quella che l’anno scorso ha affrontato il Barcellona al Camp Nou…</b>
“Nella Juventus mancava ieri Lichtsteiner, Khedira, Mandzukic, Chiellini e Bonucci: i paragoni con la Juventus dello scorso anno non si possono fare. Rispetto alla sfida contro il Barcellona dello scorso anno mancavano in questa Juventus cinque giocatori fondamentali”.
 
<b>Alcuni giocatori sottotono…</b>
“De Sciglio prima dell’infortunio ha giocato benissimo, poi ha concesso troppo ai blaugrana. La Juventus ha fatto un buon primo tempo, con calciatori che hanno giocato per la prima volta insieme e hanno fatto bene, e questo è un dato importante. Ci sono stati degli errori gravi da parte di alcuni giocatori, errori che hanno portato ai gol del Barcellona. Io non voglio essere tanto critico, ma va detto che alcuni calciatori non sono in condizione, come ad esempio Higuain. Non bisogna creare però il problema Juventus: se avessero giocato contro l’Olympiakos non ci sarebbero stati così tanti problemi. Ho visto errori banali da parte di alcuni giocatori, vuol dire che non sono tranquilli mentalmente”. 

<b>Alla Juventus piace Simone Inzaghi…</b>
“Ho grande stima di questo allenatore, ho un grande rapporto con la famiglia Inzaghi. Simone è da Juventus, ma è complicato gestire uno spogliatoio come quello bianconero. Inzaghi fa giocare bene la Lazio e ha talento, lo vedrei benissimo nella Juventus ma in futuro. Il presente è Allegri, ma non lo sarà per sempre: i cicli finiscono prima o poi”.