Fassone, da Uefa richieste impossibili

Milan flessibile, da capire lo spirito del Voluntary Agreement
 di Rosa Doro Twitter:   articolo letto 7968 volte
Fonte: ANSA
foto ANSA
foto ANSA
(ANSA) - MILANO, 7 DIC - "Recentemente la commissione della Uefa ci ha fatto delle richieste oggettivamente impossibili da accontentare, da parte non solo del Milan ma di qualsiasi club". Così l'ad rossonero Marco Fassone sul Voluntary Agreement a rischio bocciatura. "Se non ci dovesse essere questa possibilità nonostante la nostra flessibilità ci sarebbe un tema più grande, che riguarda non solo il Milan ma l'istituto - ha aggiunto -. Bisognerà capire bene quale fosse lo spirito con cui è stato ideato il Voluntary e quali sono i club che lo possono sottoscrivere". "Abbiamo una scadenza a ottobre 2018, confido di poterlo fare con sei mesi d'anticipo, entro la primavera 2018: lavoriamo per rispettare questi termini". Così Fassone ha ribadito la tempistica per rifinanziare il debito con il fondo d'investimento Elliott, che ha fornito al club e al suo proprietario cinese, Li Yonghong, un prestito ponte da 303 milioni di euro da rimborsare a ottobre del 2018.