Dott. Capua (FIGC): "Brava Lazio, ha indicato la strada. Vacciniamoci, tutti e subito"

25.07.2021 22:15 di Redazione TuttoJuve Twitter:    vedi letture
Dott. Capua (FIGC): "Brava Lazio, ha indicato la strada. Vacciniamoci, tutti e subito"
TuttoJuve.com

"Brava Lazio, il mondo dello sport ora segua l'esempio". Pino Capua, Presidente della Commissione Antidoping e Tutela della Salute della FIGC nonché Primario di medicina dello sport, parla così all'indomani della vaccinazione dell'intera rosa biancoceleste. "Il giusto esempio da seguire", secondo il Professore, che proprio a TuttoMercatoWeb.com ha commentato la tanto discussa questione vaccini anti-Covid.

"La vaccinazione dei giocatori della Lazio, intendo di tutti i giocatori e i membri dello staff tecnico della Lazio, è sicuramente l'esempio da seguire nel nostro calcio. Questo può diventare infatti uno spunto per sensibilizzare i giovani, gli sportivi e la popolazione intera dinanzi a un tema cruciale quale il vaccino", esordisce il Prof. Capua ai nostri microfoni.

Vaccinarsi, tutti e subito: questo è il suo messaggio ai nostri lettori?
"Assolutamente sì. La pandemia è diventata una tragedia universale, bisogna far capire nel modo più chiaro e più semplice possibile che la vaccinazione di massa è l'unica via per uscire da questo momento così difficile. In particolare se parliamo del mondo dello sport, veicolo per trasmettere il buon esempio a milioni di persone".

La Lazio ieri ha indicato la strada...
"Il senso civico mostrato dai giocatori della Lazio è un buon segnale per far capire a chi al momento non è convinto che bisogna vaccinarsi, tutti e subito. I vaccini di ieri hanno rappresentato un segnale forte e importante, proprio oggi che le tanto attese Olimpiadi di Tokyo si stanno tenendo senza pubblico".

Cosa vuole dire a chi non è ancora convinto in merito al vaccino contro il Covid?
"Solo una vaccinazione è l'unico modo per salvarci da questo infausto virus e dalle sue varianti. Una vaccinazione di massa permetterà di immunizzare il prima possibile tutta la popolazione e di non far più circolare il virus".