Di Caro (Gazzetta): "Lazio da Scudetto, la Juve resta convalescente e deve temere un avversario in più"

17.02.2020 17:30 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Di Caro (Gazzetta): "Lazio da Scudetto, la Juve resta convalescente e deve temere un avversario in più"

Nel suo editoriale per La Gazzetta dello Sport, Andrea Di Caro ha commentato così l'ultimo turno di Serie A: "Vola altissima l’aquila. Fugati gli ultimi dubbi: è una Lazio da scudetto. Il primo scontro diretto del girone di ritorno se lo aggiudicano i biancocelesti: rimontata, battuta, scavalcata e staccata di due punti l’Inter. Con Inzaghi festeggia (parzialmente...) anche Sarri che si ritrova nuovamente primo da solo. Si sapeva che il miglior alleato della Juve ieri sarebbe stato il calendario e così è stato: Brescia superato, pur senza brillare, bianconeri a +1 sulla Lazio e + 3 sull’Inter, che adesso ha nello scontro del 1° marzo a Torino una sfida probabilmente decisiva per continuare a coltivare fino in fondo le sue ambizioni da scudetto. La Juve potrebbe avere quel giorno per la seconda volta, dopo la chance fallita a Napoli, l’opportunità di staccare i nerazzurri di sei punti tagliandoli fuori dalla corsa scudetto.  La Juve ha superato il Brescia senza particolari affanni, ma ancora una volta senza brillare. Nonostante l’uomo in più dal 37’ e il vantaggio dal 40’, la partita è rimasta aperta fino al 75’. Dopo il 2-0 il risultato poteva diventare molto più pesante per il Brescia, che non si è mai reso davvero pericoloso, ma fino a un quarto d’ora dalla fine era ancora in partita. La Juve, ieri senza Ronaldo, resta convalescente, però ha festeggiato il rientro di capitan Chiellini. Servirà un po’ per rivederlo al top, ma il suo peso in campo e nello spogliatoio può risultare fondamentale per Sarri. Serve sempre, però, trovare gioco e brillantezza. La stagione non aspetta più. E ora c’è un grande avversario in più da temere...".