De Maggio: "Sarri professionista, non è traditore. Sui cori mi aspetto che..."

17.06.2019 18:40 di Giovanni Spinazzola Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
De Maggio: "Sarri professionista, non è traditore. Sui cori mi aspetto che..."

Valter De Maggio, ai microfoni di Radio Kiss Kiss, ha parlato di Maurizio Sarri e del suo passaggio alla Juve. "Non è un tradimento, Sarri aveva deciso di tornare in Italia, è un professionista. Per mesi aveva dato ampia disponibilità alla Roma, poi evidentemente la Juventus è andata forte su di lui ed è normale che tra Roma e Juve abbia scelto di diventare tecnico dei bianconeri, anche alla luce dei problemi dei giallorossi. Io avevo detto che non sarebbe mai andato alla Juve, ma evidentemente qualcosa è cambiato: i bianconeri avevano scelto Zidane, tornato però al Real Madrid, poi c'erano Guardiola e Pochettino imprendibili. La scelta del professionista, comunque, la capisco al 100%. Poi esiste l'aspetto umano. Sarri è nato a Bagnoli, s'è sempre professato tifoso del Napoli e napoletano. Il professionista lo capisco mille volte: diventare l'allenatore della Juve è una grande vittoria. Ma spero che quando allo Stadium sentirà i cori contro il Vesuvio Sarri prenda le distanze e faccia capire ai suoi tifosi che lui è napoletano. Se dovesse piegarsi al potere mi scadrebbe dal cuore, solo come uomo, non come professionista".