De Canio a RBN: "Sarri ha perso uno Scudetto con 92 punti e ne ha vinto uno con 83. Con il Lione la Juve ha possibilità"

03.08.2020 10:00 di Alessandra Stefanelli   Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
De Canio a RBN: "Sarri ha perso uno Scudetto con 92 punti e ne ha vinto uno con 83. Con il Lione la Juve ha possibilità"

L’allenatore Luigi De Canio è intervenuto ai microfoni di Radio Bianconera nel corso di ‘Domenica Sport’: “Sarri ha perso uno Scudetto facendo 92 punti, oggi lo vince con 83. Il calcio riserva certe situazioni, ogni anno è diverso dall’altro e questo è un anno davvero particolare, sappiamo tutti perché. È un qualcosa di inspiegabile per il mondo intero, nessuno si aspettava di vivere una situazione del genere, sicuramente quello che è successo può aver condizionato tanti calciatori che sono innanzitutto uomini”.

Sul Lione: “Credo che la Juve abbia possibilità alte, ma non può essere mai una passeggiata. Al di là del calcio che si è livellato, in condizioni normali sarebbe stato sicuramente un incontro con delle possibilità maggiori per la Juve che avrebbe avuto il supporto del proprio pubblico. Così si gioca in campo neutro, la Juve ha finito ora il campionato, ha solo una settimana per prepararsi allo scontro e ha dovuto giocare di fatto fino all’ultimo con tutti i giocatori migliori per onorare il campionato. Sotto il profilo nervoso e fisico c’è stato un notevole dispendio di energie che ora bisognerà recuperare”.

Su Sarri: “Io credo che sia stato condizionato da tutto quello che di buono si è scritto di lui nelle precedenti annate, come se dovesse necessariamente ripetere quello che aveva fatto a Napoli. È rimasto prigioniero di quanto è stato scritto dalla stampa, ma giocare alla Juve è una situazione diversa, serve tempo per allenarla e per far capire ai singoli calciatori la sua filosofia. Quando questo non può venire l’allenatore è in difficoltà. A mio avviso c’è solo bisogno di tempo”.

Clicca sul podcast per la trasmissione integrale.


"Domenica Sport" con Luca Cavallero e Simone Nasso. Ospiti: Roberto Berta (allenatore), Germano Gorla (agente FIFA), Enrico Vaudagna (ex portiere Primavera Juventus), Luigi De Canio (allenatore), Denis Russo (ex calciatore Primavera Juventus), Mauro Zironelli (ex allenatore Under 23), Cristian Balice (allenatore), Simone Banchieri (allenatore Novara), Alberto Mauro, Cristiano Tassinari (Euronews).