Corriere di Torino - No, non è l’etá

01.03.2021 08:00 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
Corriere di Torino - No, non è l’etá
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Su Corriere di Torino: "No, non è l’età. O quantomeno il problema della Juve non può essere solo legato alla giovane età e all’inesperienza di parte della rosa. Nonostante proprio su questo tasto abbia spesso battuto Andrea Pirlo per motivare almeno parzialmente le difficoltà. (...) Anche perché se è innegabile che la Juve abbia avviato un processo di ringiovanimento della rosa già dalla scorsa estate, in termini assoluti giovane non è ancora. Lo dicono i numeri. Uno sguardo al Bentegodi può servire per sottolineare come proprio il Verona nell’undici di partenza avesse un’età media inferiore a quella della Juve: 25,8 anni contro i 26,6 della squadra bianconera infarcita di baby in panchina su cui però Pirlo non ha puntato, per quanto i gialloblù dopo la girandola di cambi abbiano chiuso con un’età media di 26,7 anni. Più in generale la Juve ha una rosa la cui età media è esattamente in linea con quella delle altre squadre: l’organico a disposizione di Pirlo ha la decima età media della A.(...) Il più piccolo è Dejan Kulusevski, classe 2000 ma anche già 8 presenze in Nazionale. Dietro di lui Matthijs de Ligt, classe 1999 già capitano dell’Ajax e con 23 presenze in Nazionale. Poi Merih Demiral, classe 1998 e 19 presenze in Nazionale. E ancora Weston McKennie, classe 1998 con 21 presenze in Nazionale. Tutti gli altri, eccezion fatta per Gianluca Frabotta (classe 1999), sono almeno over 23, grandicelli calcisticamente parlando. La Juve ha preso una direzione in estate, quella giusta e coraggiosa di ringiovanire la rosa. Che però, davvero giovane, ancora non è. Quindi se la Juve fa fatica, forse no, il problema non può essere l’età.