Conte: "Mercato? Le idee ci sono"

14.01.2020 23:45 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Conte: "Mercato? Le idee ci sono"

Antonio Conte è stato intervistato da Raisport dopo la vittoria della sua Inter sul Cagliari: "Sicuramente c'è stata un'ottima risposta da parte di tutti i ragazzi. Sono contento perchè ci sono state risposte positive da ragazzi come Dimarco, lo stesso Lazaro ha fatto una buona partita. Borja Valero si è confermato un elemento che sta facendo molto bene. Sono contento anche per Alexis, che è inevitabile che ci voglia un po' perchè si veda il vero Sanchez ma sta tornando a disposizione e questo è molto importante".

Sei simile a Trapattoni. Uomo in più a consigliare i giocatori e si è creato un grande feeling.
"Stiamo parlando di un maestro come Trapattoni a cui sono legato con grande affetto. Diciamo che con questi ragazzi c'è sicuramente una buona sintonia, sono ragazzi per bene, hanno voglia di fare e quando hai un gruppo del genere ti puoi ritenere soddisfatto".

In campionato si può andare fino in fondo?
"Sicuramente penso che abbiamo fatto un girone di andata importante. Fare 46 punti, e farli come abbiamo fatto noi, non era semplice. Le difficoltà ci hanno fortificato e questo spiega perchè abbiamo fatto tutti questi punti nel girone di andata. Il girone di ritorno sarà difficile ma sappiamo che ci sarà da giocare, lottare e crescere. Abbiamo iniziato un percorso, bisogna avere pazienza per assimilare il tutto".

Lukaku?
"Non mi piace parlare dei singoli. Stiamo parlando di un giocatore che oggi sta dimostrando la sua forza. Secondo me ha ancora margini di miglioramento come Lautaro, Sanchez ed Esposito. Bisogna lavorare ma l'importante è che ci sia questa loro disponibilità".

Inter meglio in trasferta. Un vantaggio affrontare Roma, Atalanta e Juve fuori casa nel ritorno?
"Il problema è che in casa comunque abbiamo pareggiato con squadre forti e perso con la Juventus. Abbiamo pareggiato contro Roma, Atalanta. Fosse per me giocherei sempre in casa".

Come hai fatto a cambiare in così poco tempo una squadra che oggi lotta per lo scudetto?
"Io penso che la cosa positiva è stata che si è stabilito subito il feeling con i ragazzi. Secondo me ci sono dei margini di miglioramento e nella fase di pressione dobbiamo cercare di portarla per tutta la partita. A volte ci capita di abbassarci e diventare un po' passivi. Ci stiamo lavorando e la cosa che riempie di soddisfazione è vedere che i ragazzi sono ricettivi".

Lei è uscito un po' corrucciato. Non l'è piaciuto qualcosa dei suoi?
"No. Sinceramente prima sono andato a salutare gli arbitri poi sono uscito. Al 94' abbiamo preso un'ammonizione di Sensi e un po' il gol dobbiamo cercare di evitarlo però sono molto soddisfatto della prestazione e per quello che i ragazzi hanno fatto".

Spinazzola, Eriksen e Giroud possono colmare quel gap?
"Io penso che il direttore sia stato molto chiaro nel dire che non ci sono tanti 'solidini' e quindi dovremo essere bravi a trovare delle situazioni che per tanti motivi ci possono portare dei benefici. Penso che il direttore sia stato chiaro che se ci saranno delle occasioni dovremo essere bravi a fare delle operazioni e buon mercato. La vedo dura però al tempo stesso le idee ci sono. Non c'è da spendere tanto. Dove non puoi arrivare eventualmente con soldi, ci devi arrivare con l'intelligenza e l'arguzia".