Christillin a TMWRadio: "Tirare la croce addosso a Sarri è ingeneroso e poco produttivo"

10.12.2019 17:00 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Christillin a TMWRadio: "Tirare la croce addosso a Sarri è ingeneroso e poco produttivo"

Evelina Christillin, membro aggiuntivo della UEFA nel Consiglio della FIFA e tifosa vip della Juventus, ha parlato a Maracanà, nel pomeriggio di TMW Radio, dei temi del momento.

Sul caso doping in Russia
"Questi 4 anni di squalifica sono pesanti. Credo che la Russia farà appello ma non credo ci saranno ribaltamenti. E' una bella botta. Non so se sia sufficiente, qualcosa era stato fatto prima ma le cose erano rimaste uguali. Parlare di doping dopo tutto quello si è fatto in termini di controlli e squalifiche fa male allo sport. Chi bara, non gioca pulito. Così non ci saranno sponsor e chi crede nello sport pulito".

Sulla Juventus
"Ha comunque stravinto il proprio girone in Champions, è seconda in campionato perdendo una partita giocando un buon calcio. Ha perso contro un'ottima Lazio. Siamo talmente abituati a vincere che sembra lesa maestà perderne una. Rabiot e Ramsey? Anche loro sono giocatori importanti. Si tratta di andare in un campionato diverso, a cui non si è abituati. Anche un giocatore di classe si deve abituare. Rabiot ha giocato poco, Ramsey è spesso infortunato. A centrocampo c'è emergenza e speriamo che i due tornino in forma. Sarri deve fare il fuoco con la legna che ha. A volte ci sono state pause preoccupanti, soprattutto con le piccole, ma anche momenti di grande calcio. Fino a giugno abbiamo giocato da soli, quest'anno non è più così. Il campionato sta diventando più interessante ora. Tirare la croce addosso a Sarri è ingeneroso e poco produttivo".

Sulla Lazio
"E' una squadra che è a 3 punti dalla Juve e a 5 dall'Inter. La Juve avrà la rivincita in Supercoppa. Che ci siano altre forze nel campionato ben vengano. Invece che avere sempre un assolo, questa volta c'è da giocarsela e va meglio per tutti, soprattutto per il calcio italiano".