Capello: "Juventus fortunata perché le inseguitrici sono andate piano. Conte-Inter? Con 180 milioni spesi doveva fare di più"

13.07.2020 10:30 di Alessandra Stefanelli   Vedi letture
Capello: "Juventus fortunata perché le inseguitrici sono andate piano. Conte-Inter? Con 180 milioni spesi doveva fare di più"

Fabio Capello, ex allenatore e oggi opinionista, è intervenuto ai microfoni di Radio Anch’Io Sport in onda su Radio Rai: “La Juventus è stata fortunata fino ad ora perché le inseguitici come Lazio e Inter sono andate pianissimo, altrimenti si sarebbe trovata in difficoltà. L’unica ad andare forte è l’Atalanta. La Juventus dopo il lockdown ha giocato abbastanza al risparmio aspettando la giocata dei suoi fuoriclasse”.

Sul Lione: “Credo sia un vantaggio il fatto che il Lione non giochi, non so come si possa ritrovare la forma senza giocare gare ufficiali. Per la Juventus sarà un grande vantaggio, anche se la Juve ha dei momenti che mi preoccupano. Devono stare comunque attenti perché hanno perso 1-0 all’andata, ma con la società che hanno alle spalle riusciranno a superare questo turno”.

Sui rigori: “Assolutamente troppi. C'è un’interpretazione corretta, ma non capisco perché non si prenda in considerazione la volontarietà dell’azione. Questa è un’assurdità. Non può esserci calcio di rigore se non c’è pericolosità e volontarietà. I calciatori non possono avere equilibrio se non allargano un po’ le braccia”.

Sull’Atalanta: “È brillante perché è una squadra di persone che conoscono il loro valore, il lockdown e la crisi sanitaria li ha fatti compattare ancora di più, l’allenatore è intelligente e c’è dietro una grande società. Anche il Sassuolo mi sembra una squadra che sta andando molto bene dopo aver avuto qualche difficoltà. Non sono rimasti al guardiolismo, allo stucchevole passaggio di palla, ma vanno verso la posta. Il PSG? Penso che non sia un avversario facile, ma l’Atalanta potrà creargli delle difficoltà”.

Sull’Inter: “Se il futuro di Conte è il bilico è una domanda da fare alla società, sicuramente ora c’è l’Europa League che può salvare la stagione. Dopo 180 milioni spesi per gli acquisti ci si aspettava qualcosa di più”.

Sulle cinque sostituzioni: "Io per evitare infortuni le manterrei anche il prossimo anno, almeno per un'altra stagione".