BONUCCI A SKY: "Buona partita. Ora a Barcellona per fare una grande partita e far crescere dentro di noi l'autostima. Ronaldo festeggia record in ogni partita, percorso strabiliante"

02.12.2020 23:15 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
BONUCCI A SKY: "Buona partita. Ora a Barcellona per fare una grande partita e far crescere dentro di noi l'autostima. Ronaldo festeggia record in ogni partita, percorso strabiliante"
TuttoJuve.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Leonardo Bonucci è intervenuto ai microfoni di Sky. Tuttojuve.com riprende le sue parole:

Leo vittoria netta. Nel finale del primo tempo cos'è successo?  Vi siete un po' abbassati...
"Sì, abbiamo fatto una buona partita, l'obiettivo era quello di vincere per dare un ulteriore stimolo a questa classifica e per poi andare a Barcellona a giocare una grande partita e far crescere dentro di noi l'autostima, la voglia di continuare su questa strada, di credere in tutto e per tutto in quello che facciamo, dare fiducia ai tanti giovani che sono scesi in campo e devo dire che nell'ultimo quarto d'ora ci siamo un po' allungati, facevamo fatica a pressare sul loro portatore di palla. Ci siamo un po' abbassati però nonostante un'azione dove loro hanno creato una potenziale occasione da gol, abbiamo fatto una buona partita".

Ci credete nei tre gol da segnare al Barcellona?
"Ovvio che non sarà facile, ma noi andremo a Barcellona per fare una grande partita, perchè nel percorso di crescita di tanti di noi, giocare queste partite farà sì che in futuro l'esperienza sia maggiore".

Nelle occasioni dell'avversario, su quel cross vi siete sistemati male. Eravate già piazzati e c'è stato un piccolo errore. Se non ci fosse stata la grande parata di Szczesny poi la partita sarebbe stata difficile.
"L'impressione è che dovevamo scalare meglio con il terzino o Aaron seguire l'inserimento della mezz'ala. Eravamo usciti in pressione, loro hanno girato palla velocemente e ci hanno colto un po' impreparati. Però sono cose che dobbiamo migliorare. Sappiamno che c'è un percorso di crescita, l'obettivo minimo di questa parte di stagione doveva essere di passare il girone di Champions e giocarcela con il Barcellona, l'abbiamo fatto, andremo a Barcellona per giocarci una grande partita. Sappiamo tutti quanti che dobbiamo crescere, quando c'è un cambiamento, un'evoluzione del modo di giocare e della rosa, ci vuole un po' di tempo per adattarsi, ma devo dire che siamo sulla buona strada".

E' la seconda stagione consecutiva che cambiate allenatore e questo allenatore porta molte cose nuove rispetto al predecessore. Per la tua cognizione, siete più o meno allo stesso punto dell'anno scorso nell'adeguamento al nuovo allenatore?
"Credo che siamo al punto in cui dovevamo essere, non avendo avuto possibilità nè di riposare, nè di fare un precampionato adatto a quando c'è un cambiamento. Oltre al cambio di allenatore. anche di diversi giocatori. Dobbiamo continuare a fare quello che abbiamo fatto e cercare dentro di noi la voglia, la fame, l'applicazione perchè la Juventus poi non si può permettere di lasciare punti cotnro squadre - con tutto il rispetto - come Benevento e Crotone. Ma questo fa parte di un percorso di crescita, abbiamo sempre giocato con tanti giovani che sono alla prima esperienza con la maglia della Juve e non gli si può chiedere tutto e subito. C'è un percorso da fare come abbiamo fatto tutti. Ma devo dire che vedo molta voglia da parte di tutti di crescere per arrivare a ottenere i grandi obiettivi. E' ovvio che il percorso fatto il campionato non rispecchia la nostra forza, dobbiamo migliorare. Ma tutte le grandi squadre in questo periodo stanno facendo un po' fatica. Questo non deve essere un alibi, noi sappiamo che dobbiamo migliorare, crescere e vincere partite su partite per aumentare anche l'autostima e la fame per arrivare agli obiettivi finali".

Avete preparato qualcosa di speciale per 750 gol di Ronaldo?
"No, magari ci farà lui qualcosa di speciale. No, scherzi a parte. Ovvio che ogni partita stiamo  festeggiando i record di Cristiano, ed è solo un piacere per noi far parte del suo percorso calcistico, che è strabiliante".

in aggiornamento