Bilancio Juventus - Revisione del Piano di sviluppo 2019/24 e Aumento di capitale

17.09.2021 16:20 di Redazione TuttoJuve Twitter:    vedi letture
Bilancio Juventus - Revisione del Piano di sviluppo 2019/24 e Aumento di capitale
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

"Il Consiglio di Amministrazione di Juventus del 30 giugno 2021 ha, inter alia, (i) esaminato gli impatti derivanti dal protrarsi della pandemia da Covid-19 e i principali dati economico-finanziari di aggiornamento del Piano di sviluppo per gli esercizi 2019/24 (il “Piano di sviluppo” o il “Piano”), approvato a settembre 2019 (quindi prima dell’inizio della diffusione della pandemia da Covid-19), e (ii) definito le linee guida di un rafforzamento patrimoniale mediante aumento di capitale fino a massimi € 400 milioni. Rispetto ai dati previsti nel Piano, le stime esaminate dal Consiglio di Amministrazione hanno quantificato in € 320 milioni gli effetti negativi complessivi diretti ed indiretti per il periodo compreso tra marzo 2020 e giugno 2022".

Lo comunica la Juventus dopo il Consiglio di Amministrazione tenutosi oggi. 

"Tali stime assumono, tra gli altri elementi, una progressiva riduzione delle misure restrittive nel corso dell’esercizio 2021/22 e una sostanziale normalizzazione del contesto economico generale a partire dal secondo semestre del 2022 - prosegue il comunicato -. Sulla base di queste ipotesi e assunzioni e tenendo conto delle azioni di mitigazione impostate, Juventus ha confermato gli obiettivi di sostanziale equilibrio economico-finanziario post effetto pandemico e quindi nel medio periodo. Il Gruppo continua, inoltre, a monitorare costantemente l’evolversi della situazione connessa alla pandemia, in considerazione delle incertezze del quadro normativo di riferimento e del complesso e mutevole contesto economico. L’operazione di rafforzamento patrimoniale mediante aumento di capitale si inserisce nel contesto delle misure atte a far fronte ai rilevanti impatti economici e patrimoniali della pandemia da Covid-19, contribuire all’equilibrio delle fonti di finanziamento e ripristinare le condizioni d’investimento a supporto del raggiungimento degli obiettivi strategici del Piano di sviluppo. In particolare, l’organo amministrativo ha deciso di avviare un percorso per un aumento di capitale di massimi complessivi € 400 milioni, incluso l’eventuale sovrapprezzo, da offrire in sottoscrizione ai soci".