Biasin: "Taglio stipendi Juve? Siamo davanti a qualcosa di inedito nel calcio italiano, da elogiare e da prendere da esempio"

29.03.2020 19:45 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Biasin: "Taglio stipendi Juve? Siamo davanti a qualcosa di inedito nel calcio italiano, da elogiare e da prendere da esempio"

Fabrizio Biasin, giornalista di Libero, è intervenuto a Radio Sportiva:

SUL TAGLIO DEGLI STIPENDI DEI GIOCATORI DELLA JUVENTUS: "Siamo davanti a qualcosa di inedito nel calcio italiano. Questa cosa va assolutamente elogiata, serve da esempio a tutti gli altri calciatori di Serie A. Cambiano gli equilibri in vista della riunione di domani con l'AIC".

SULLA POSIZIONE DELL'AIC: "C'è un calcio di Serie A che è una cosa, un altro di Serie C e bassa Serie B che è un'altra. Servono trattamenti diversi. I giocatori della Juventus hanno tracciato un sentiero che comporterà una reazione a catena".

SU CHIELLINI: "E' facile e normale fare il capitano quando si tratta di arringare lo spogliatoio nei confronti dell'avversario, meno quando si tratta di mettere le mani nel portafoglio. Chiellini si è dimostrato un capitano vero, complimenti a lui, Buffon e Bonucci".

SULL'INTER ED IL MILAN: "Ci sono tantissimi temi che in questo momento sono congelati, gli equilibri cambieranno nel prossimo mercato. L'Inter vuole puntare sull'italianità, Castrovilli e Tonali sono giocatori forti che non piacciono solo alla società nerazzurra. In tanti danno per fatto il passaggio di Lautaro Martinez al Barcellona ma io non sono così convinto. Per quanto riguarda il Milan, si va verso la soluzione Rangnick ma al momento è tutto fermo. Fossi il Milan penserei alla conferma di Pioli, rischia di pentirsi di un'eventuale cambio come successo con Gattuso. Ibrahimovic credo non che non continuerà con l'attuale dirigenza".