Balotelli: "Chiedo rispetto, non sono un deficiente. Kean merita il meglio"

26.03.2019 19:30 di Edoardo Siddi Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Balotelli: "Chiedo rispetto, non sono un deficiente. Kean merita il meglio"

Il nome di Mario Balotelli torna ciclicamente sul fronte Nazionale e non tutti sono d'accordo con un suo eventuale reinserimento in squadra. Stavolta a parlare è lo stesso attaccante, che si scaglia in particolare contro Sconcerti: "Ma quale è il tuo problema? Se tu non credi in me tranquillo che mangio, mi alleno e riposo lo stesso. Ci sono italiani che credono in me e per loro riverrò e sarà ancora più forte ma, per quelli come te, meglio che evitate di pronunciare il mio nome". Poi su Kean: "Forza Moise, ti meriti il meglio!".

Sul suo discorso, ha proseguito: "Ci avete mai pensato che ci sarà bisogno di me un giorno magari ed io sarò pronto come lo sono stato negli ultimi 3 anni ma sentendo alcuni di voi insultarmi, denigrarmi, sottovalutarmi negli anni possa anche essermi stancato emozionalmente e quindi rifiutare di andare. Non sono un robot, nè un'epidemia nè un deficiente... tante volte non rispondo per evitare problemi e tensioni inutili ma sento e vedo tutto e accumulo e mi stufo anche io. Rispettatemi tanto quanto rispetto io l'Italia e già saremmo a buon punto... non pretendo di essere coccolato o considerato un fenomeno ma vi garantisco che potreste tirar fuori il meglio di me solo rispettandomi anche perché non sto facendo niente per non essere rispettato... e quindi ve lo chiedo gentilmente prima di esigerlo".