QUAGLIARELLA: "Serata da sogno"

Lo stabiese continua a segnare e a far sognare
 di Domenico Aprea Twitter:   articolo letto 3978 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
QUAGLIARELLA: "Serata da sogno"

Segnare, sognare. Due verbi strettamente collegati tra di loro. Non è un caso che il primo sia in grado, poi, di produrre le emozioni che alimentano il significato del secondo. E non solo perché a differenziarli è solo una vocale: sognare di segnare e segnare per far sognare. È quello che, in questi mesi, sta facendo il signor Fabio Quagliarella, nato a Castellammare di Stabia il 31 gennaio di 29 anni fa. L'attaccante bianconero sta costruendo una media realizzativa pazzesca, da autentico goleador: 9 gol in 600 minuti giocati per un totale di 13 partite in campionato e 5 in Champions League, senza averne mai disputata una intera (6 volte è subentrato dalla panchina, 7 volte è stato sostuito). Un gol ogni 66' e tutti bellissimi, decisivi, mai banali all'interno di un repertorio vastissimo e sempre in costante aggiornamento. Come i suoi numeri stagionali che migliorano di partita in partita e lo incastonano sempre più nella storia bianconera. Nella partita di ieri contro il Chelsea, infatti, Fabio è definitivamente entrato nei cuori dei tifosi bianconeri che, a dir la verità, già lo amavano e lo stimavano. Rete del vantaggio da vero rapinatore d'area di rigore al cospetto dei campioni in carica della Champions League, bucati per due volte tra andata e ritorno: prestazione da 8 in pagella per lui che, tramite il proprio profilo Facebook, racconta la gioia che ha vissuto allo Stadium ieri: "Serate come quelle di ieri sono da sogno! E io non posso che esser felice di aver contribuito a far continuare il nostro sogno europeo. Ce lo meritiamo!". Queste le parole di un giocatore che ha sofferto tanto per il grave infortunio al ginocchio del gennaio 2011, che ha lavorato tanto per tornare ai massimi livelli, che è rimasto in silenzio in panchina ad aspettare il suo turno e che adesso sta rispondendo, sempre, alla grandissima in maniera eccezionale. Si sta prendendo la sua rivincità e dobbiamo solo applaudirlo e fargli i complimenti. Segna e fa sognare: bello il legame tra questi due verbi, vero? Fabio Quagliarella: numeri da top player, carattere da campione.