Ajax - Juve: i precedenti incontri

 di Filippo Partenzi  articolo letto 2254 volte
Ajax - Juve: i precedenti incontri

La partita di giovedì è soltanto l'ultima, in ordine temporale, di una serie di sfide che hanno dato vita ad una rivalità sportiva fiera ed importante.
La Juventus si è recata Ad Amsterdam cinque volte, rimediando due successi, altrettanti pareggi e una sola sconfitta. Il primo incontro è datato 11 dicembre 1974 e lo scenario è la gara degli ottavi di finale della Coppa Uefa. L'Ajax prevale 2-1 con le reti di Blankenburg e Muhren, intervallate da un rigore di Damiani: un risultato, questo, che però non permette ai lancieri di passare il turno, dal momento che la partita di andata a Torino si era concluso sull'1-0 in favore della Vecchia Signora.
Il successivo incontro si ha nel 1978, stavolta in Coppa dei Campioni. E' il “Barone” Franco Causio, in piena zona Cesarini, a pareggiare il vantaggio di Van Dord, siglato pochi minuti prima.

Nel 1997 Ajax-Juventus si ripete nella semifinale d'andata di Champions League. L'allora tecnico Marcello Lippi dà fiducia a due attaccanti giovani e ambiziosi come Amoruso e Vieri, che alla fine lo ripagano con una rete a testa, che rendono nullo il gol della bandiera dell'eternoLitmanen.
Scorrendo il calendario, si arriva al 15 settembre 2004: la Juve espugna l’Amsterdam Arena nel primo incontro della Champions League, edizione che poi vedrà il clamoroso e indimenticabile successo del Liverpool ad Istanbul.
A decidere la sfida è Pavel Nedved, con un tiro dei suoi da fuori area. La formazione mandata in campo dal mister Fabio Capello fu Buffon, Birindelli, Thuram, Cannavaro, Zambrotta, Camoranesi, Emerson, Blasi, Nedved, Ibrahimovic, Del Piero. L’Ajax , all’epoca allenato da Koeman, giocò con Stekelenburg, De Jong, Heitinga, Grygera, Maxwell, Obodai, Snejider, Van der Vaart, Pienaar, Sonck, Mitea.
Ajax e Juventus si sfidarono anche, in due circostanze, nella finale della Coppa dei Campioni. Nel 1973, la sorte arrise agli olandesi che trionfarono con un gol Johnny Rep, mentre nel 1996 a Roma prevalse la Juventus di Marcello Lippi ai rigori, dopo che i 90 minuti e i tempi supplementari si erano conclusi con le reti di Ravanelli e Litmanen.